Metano su Marte

Metano su Marte, lo comunica la sonda Curiosity al lavoro sul pianeta rosso da oltre due anni. Non è una novità, altre sonde avevano dato la stessa notizia. Esclusa l’origine vulcanica (il sito dove si trova la sonda non presenta segni di passata attività vulcanica), restano due soli colpevoli: geofisica o biologia? Pur essendo molto bassa la concentrazione di metano osservata, la sua origine resta per ora ignota, anche se, considerate le condizioni ambientali di Marte, gli addetti ai lavori ritengono possibile una origine geologica.

Strati di rocce sedimentarie osservati dal rover Curiosity su Marte, segno della presenza di un antico lago sul cratere Gale. Crediti: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Strati di rocce sedimentarie osservati dal rover Curiosity su Marte, segno della presenza di un antico lago sul cratere Gale. Crediti: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Per saperne di più: Metano su Marte, non c’è da stupirsi.

Ma soprattutto venite al Planetario, vi aggiorneremo su tutte le novità dal pianeta rosso.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>