Acqua su Marte

Ancora un misterioso cambiamento sulla superficie di Marte che pare essere dovuto a un flusso di liquidi. Se si osservano con attenzione le due fotografie riprese dalla sonda americana MRO, si nota come quello che appare un canale di percolamento si è sdoppiato in un nuovo ramo nel corso di un anno marziano. Sono numerosissimi i fenomeni come questo ora documentato osservati nel corso degli ultimi anni.

Ecco il nuovo canale di percolamento osservato su Marte.

Ecco il nuovo canale di percolamento osservato su Marte. Crediti: NASA/JPL-Caltech/ Univ. of Arizona

Poiché si verificano tutti nelle parti alte dei pendii e appaiono iniziare in quella potrebbe essere considerata la quota della falda di acqua ghiacciata, si ritiene che nell’estate marziana una piccola percentuale di fluidi acquosi possa scorrere verso il basso nelle scarpate, generando queste strutture. Per saperne di più: Mysterious New Gully Spotted on Mars

Ma soprattutto venite al Planetario, vi aggiorneremo su tutte le novità dal pianeta rosso.

Acqua a catinelle su Marte

Benché su Marte non ci sia sole a catinelle, le continue comunicazioni sulla presenza di acqua sul pianeta rosso ci richiamano l’immagine dell’acqua a catinelle. Questa volta è la sonda MRO della NASA che con la sua camera ad alta risoluzione ci manda l’immagine che vi mostriamo, che documenta come, nei pendii soleggiati, durante l’estate marziana la temperatura salga fino a provocare lo scioglimento di ghiacci sotterranei attivando dei percolamenti stagionali, lunghi fino a 1,2 km, che osserviamo distintamente nella sequenza fotografica.

Nella sequenza fotografica si può osservare il crescere del percolamento di materiale umido nell’estate marziana. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Nella sequenza fotografica si può osservare il crescere del percolamento di materiale umido nell’estate marziana. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

La stessa sonda aveva mostrato come, nei crateri di impatto molto recenti, la caduta derl meteorite abbia rimosso la coltre di polvere liberando materiale ghiacciato sottostante. Per saperne di più: NASA Mars Spacecraft Reveals a More Dynamic Red Planet

Ma soprattutto venite al Planetario, vi aggiorneremo su tutte le novità dal pianeta rosso.

Rolling stones su Marte ?

Una pietra che rotola su Marte nella regione la regione Nili Fossae. Cosa l’ha messa in movimento ? Un martemoto ? la caduta di un meteorite? Il disgelo di un substrato ghiacciato ? può essere stato un fenomeno recente, anche se, nel caso di Marte, il termine recente ha un significato diverso per via della bassa attività atmosferica e geologica, il che può significare anche qualche secolo.

La traccia lasciata dal macigno rotolato giù per il pendio marziano. NASA/JPL-Caltech/University of Arizona)

La traccia lasciata dal macigno rotolato giù per il pendio marziano. Crediti: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona)

Il fatto non è sfuggito alla fotocamera HiRISE della sonda Mars Reconnaissance Orbiter della NASA. La foto mostra un masso di un paio di metri che è rotolato giù da un pendio, mostrando una traccia frastagliata dovuta alla sua forma non regolare. Per saperne di più: Are the gods playing marbles on Mars?

Ma sopratutto venite al Planetario, vi aggiorneremo su tutte le novità da pianeta rosso.

Fenomeni stagionali su Marte

Guardate con attenzione questa immagine: è una fotografia ad alta risoluzione del bordo del cratere Gasa Crater, su Marte. Cercate di osservarla con attenzione perché è la tipica immagine nella quale la percezione delle parti concave e di quelle convesse si inverte continuamente.  Per facilitarvi il compito, le linee  nette di separazione tra le parti chiare e quelle scure sono creste rilevate, la parti bianco-bluastre sono i fondovalle.

Calanchi sul bordo del cratere marziano Gasa Crater. Crediti: NASA/JPL/University of Arizona

Calanchi sul bordo del cratere marziano Gasa Crater. Crediti: NASA/JPL/University of Arizona

La foto è stata ottenuta dalla sonda MRO della NASA, con la fotocamera ad alta risoluzione HiRISE. Mostra dei cambiamenti stagionali, evidenziati proprio dai depositi bianco-bluastri, causati da fluidi, probabilmente il discioglimento di ghiaccio di CO2 (anidride carbonica) con l’arrivo della primavera marziana. Per saperne di più: Image of the Day Gallery

Ma sopratutto venite al Planetario, vi aggiorneremo su tutte le novità dal pianeta rosso !