Alan Turing graziato dalla regina

Pochi conoscono la storia della mela morsicata, logo di una importante azienda che produce computers e palmari. Dobbiamo risalire alla vicenda di Alan Turing, uno dei massimi matematici del ‘900. Turing, matematico e crittografo britannico, fu un pioniere dell’informatica e produsse  importanti lavori sul calcolo automatico e sull’intelligenza artificiale. Nel corso della seconda guerra mondiale fu determinante il suo contributo alla decodifica dei codici segreti tedeschi, criptati con la macchina Enigma. Finita la guerra, la sua omosessualità, di cui non faceva mistero al pari di Oscar Wilde, fu motivo di persecuzione nei suoi confronti. Condannato nel 1952 per omosessualità, dovette subire la castrazione chimica, con un intenso trattamento ormonale. Due anni dopo Turing bagnò una mela nel cianuro e ne mangiò un morso, morì così avvelenato.

apple

Per anni, in Inghilterra, intellettuali e scienziati si sono battuti contro la violenza discriminatoria subita da Turing chiedendone la riabilitazione. Nel 2009 fu Il primo Ministro Gordon Brown a fare pubblica ammenda, oggi è finalmente arrivata l’assoluzione da parte della Regina. Si chiude così la vicenda giudiziaria di Alan Turing. Restano i suoi importanti studi e il suo contributo alle “macchine universali”, cioè i computer programmabili. “Una macchina infallibile non può essere intelligente” disse. Rifletteteci. Per saperne di più: Alan Turing

Ma soprattutto venite al Planetario, vi aggiorneremo su tutte le novità dal mondo della scienza, e Buon Natale!